Lavarsi le mani salva milioni di vite

Articolo di · 4 maggio 2020 ·

La campagna dell’Oms rivolta agli operatori sanitari

Save lives: clean your hands. Mai la Giornata mondiale per l’igiene delle mani del 5 maggio cadde con tempismo perfetto come nel 2020. La campagna dell’Organizzazione mondiale della sanità viene ripetuta annualmente, ma quest’anno con la pandemia da coronavirus in corso, il suo significato assume una valenza ancora maggiore.

La campagna è, come d’uso, mirata specificatamente agli operatori sanitari, ma anche ai pazienti e alle loro famiglie, e rientra nel quadro dei programmi di prevenzione e controllo delle infezioni correlate all’assistenza. La giornata di quest’anno  si rivolge in particolare a infermieri e ostetriche, perché l’Oms ha dedicato a loro il 2020.

igiene della mani

L’Oms agli operatori sanitari: quando e come lavarsi le mani

Può sembrare strano, ma secondo l’Oms il 70% degli operatori sanitari e il 50% delle equipe chirurgiche non praticano regolarmente una corretta igiene delle mani. Di contro, prosegue l’Oms, l’igiene delle mani salva milioni di vite quando viene effettuata al momento giusto dell’assistenza sanitaria.

Altri dati importanti forniti dall’Organizzazione mondiale della sanità sono che ben il 10% dei pazienti contraggono infezioni durante le cure, che il 50% delle infezioni della ferita chirurgica possono essere resistenti agli antibiotici e che un’efficace prevenzione e controllo delle infezioni riduce di almeno il 30% le infezioni correlate alle cure.

È ormai provato, sia per l’epidemia di Sars che per quella dell’attuale Covid-19, che lavarsi le mani è cruciale per proteggere gli operatori sanitari dal contrarre infezioni. Si tratta di una delle misure più importanti per contenere la diffusione del virus. L’igiene delle mani è una pratica molto utile anche per prevenire malattie diarroiche e respiratorie.

Oltre a disinfettanti specifici per le mani, l’Oms ricorda la notevole efficacia del normale sapone capace di disattivare i virus con involucro come il Covid-19: il sapone riesce a dissolvere la membrana oleosa del virus, uccidendolo. A ciò si aggiunge l’azione meccanica dell’acqua che rimuove i germi. La durata consigliata del lavaggio con sapone è di 40-60 secondi.

L’invito dell’Organizzazione mondiale della sanità a tutti gli operatori sanitari è quindi di praticare l’igiene delle mani molto spesso e soprattutto di farlo prima di toccare un paziente, prima di eseguire pulizie o procedure asettiche, dopo l’esposizione a fluidi corporali, dopo aver toccato un paziente o gli ambienti intorno a lui.

Con l’arrivo del Covid-19, almeno in linea teorica, ormai tutti dovrebbero aver compreso l’importanza di lavarsi (bene) le mani, un gesto semplice e fondamentale per proteggere se stessi ed evitare il diffondersi di infezioni e malattie. Tuttavia, se l’Organizzazione mondiale della sanità giudica necessaria una campagna annuale, e rivolta in special modo agli operatori sanitari, quella che sembrerebbe un’ovvietà forse non lo è.


    Lascia un commento